mercoledì 24 marzo 2010

Uno contro Uno – il primo “round”

“La signora Dalloway” vs “L’eleganza del riccio”

Eccoci al primo match. La signora Dalloway di V. Woolf contro L’eleganza del riccio di M. Barbery. Quanto di più intrigante potevate scegliere per il primo Uno contro Uno. Complimenti.

Siete pronti a lottare per il vostro libro preferito?

Vi ricordo le regole per uno “scontro” leale:

  1. si può scrivere di entrambi i libri scelti dal popolo di imagisti per il primo Uno contro Uno, ma non si può attaccarli o sostenerli entrambi. Dovete prendere una posizione.
  2. non ci permettiamo di fare un’analisi critica dei due testi dal punto di vista letterario, ma da comuni e accaniti lettori.
  3. tema, trama, personaggi, incipit, finale, impaginazione, copertina e persino ricordi o sensazioni che la lettura ha generato. Tutto può essere oggetto di critica (positiva o negativa che sia) e riflessione condivisa.
  4. il libro che alla fine vincerà il match andrà avanti e si sfiderà con un altro contendente scelto a maggioranza dal popolo di imago 2.0

Sotto a chi tocca!

domenica 14 marzo 2010

Troppe parole

Oggi cari imagisti ho incontrato una persona. Niente di strano direte voi...Forse.
Mentre ero in fila per entrare in un museo, un essere umano sconosciuto si è imposto alle mie orecchie, sommergendomi di sé ed io ho scoperto di non essere preparato ad affrontarlo.
Così abituato al silenzio da non poterne fare a meno?
Ecco le mie sensazioni:

Solitudine.

Parola, parole, molte, troppe, nervose, piatte.

Annuisco, scavo appena nel volto e mi ritraggo.

E intanto parole, ancora, storie di assenze vestite di orgoglio, passione, famiglia, silenzi rivoltati in confuso cercare.

Acconsento al delirio, sorrido, fremo, cerco di scappare,

tu lo sai, senti che il volto ti ignora,

si strappa le orecchie a morsi pur di continuare ad ingoiare i tuoi sorrisi.

E allora giochi,

una bimba con i suoi ricordi leggeri,

ti rivolgi al vento,

anche lui capisce ma sorride,

attende che tu scompaia.