Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2012

Quando il contenitore diventa il contenuto, una passeggiata alla Saatchi Gallery

Immagine
Spazio e luce. Questa è la prima cosa che si ricorda della Saatchi Gallery a Londra. Bianca, silenziosa e immensa. Le opere d'arte? Sì, ricorderete qualcosa.., ma gli spazi... Penserete di essere stati catapultati sul set di un film di Woody Allen, magari nella galleria che Chloe,la moglie del protagonista di Match Point, ha "messo su" (anzi che il paparino le ha “messo su”) per occupare il tempo. Tutto sembrerà costruito per ridurre la giornata ad un piacevole diversivo fra una colazione servita sul portico e una prima a teatro. Gli spazi (infiniti), il rumore (assente), i visitatori (eccentricamente abbigliati e con taccuino sempre aperto fra le mani), le guide (tutte giovani, sorridenti e vestite di nero), pronte a scovare il seme della ribellione in un trittico di piastrelle marroni lasciate distrattamente (ma non così tanto) sul pavimento candido (anch’esso). Avrete subito la voglia di comprare una sciarpa azzurra di cotone egiziano e un taccuino verde, con penna in ti…

Una parola, un verso: ventottesima - vulnerabilità secondo Jonathan Coe

Immagine
Dopo aver superato il librone gigante simbolo e programma di LibriCome, festa del libro e della lettura, svoltasi a Roma dall’8 all’11 marzo scorso, mi sono diretto al centro della cavea ideata da Renzo Piano per far ammirare il suo auditorium, nonché per adagiarci le sue immani coccinelle. Guardandole in una domenica troppo invitante per essere destinata a chiudersi in un piccolo spazio, viene da pensare che possano staccarsi da terra da un momento all’altro, pronte ad assaggiare il pubblico, un attimo prima di accoglierlo comunque nel loro ventre. Questa volta sono stato abbastanza veloce da evitarle e così mi sono trovato in una sala Petrassi gremita per l’arrivo di Jonathan Coe, autore perfetto per accompagnare il lettore in un momento di confusione e di rabbia. Con me l’ha fatto con La casa del sonno, che ho apprezzato molto di più della Famiglia Winshaw, romanzo che lo ha portato alla consacrazione come scrittore. Coe è venuto a Libri Come per promuovere la sua ultima opera: Com…

Con dolce curiosità: un libro per Andrea Zanzotto

Immagine
Alla Feltrinelli di Via del Babbuino a Roma è stato presentato, lo scorso 6 marzo, il volumeCon dolce curiosità - tributo ad Andrea Zanzotto, a cura di Matteo Chiavarone, Edizioni della Sera, 2012. Il testo nasce da un’idea di Matteo Chiavarone e dal conseguente entusiasmo diffusosi fra coloro che, per conoscenza diretta o per passione, si sono confrontati con la parola di uno dei più interessanti autori del Novecento italiano. Non sarà il primo, né di certo l’ultimo omaggio all’opera di Andrea Zanzotto, “percussivo” poeta, spentosi all'età di novanta anni lo scorso ottobre.  Fu così che lo definì Eugenio Montale alla fine degli anni ’60, “percussivo, ma non rumoroso: il suo metronomo è forse il batticuore.”[1] Chissà come prese questa definizione il poeta Zanzotto, capace di far convivere in pochi versi l’ordine e il disordine, il chiasso con il suo adorato e necessario silenzio, in un continuo esercizio di stiracchiamenti semantici che, come ha ricordato Andrea Viviani, rappresen…

La tempesta di Merrill Block

Immagine
L’attesa per un evento che in pochi attimi cambierà le vite di molte persone, questo è o sembra essere l’incipit vincente e diffuso del nuovo romanzo di  Stefan Merrill Block, l’attesa per qualcosa di terribile e inappellabile che dovrebbe colpire tutto e tutti per ridare un senso al corso degli eventi. L’attesa per un deus ex machina che non giungerà mai e che lascerà agli uomini la ricerca della soluzione meno sgradevole per le proprie anime. Perché La tempesta alla porta(Neri Pozza, 2011) non è soltanto la storia di alcuni “prigionieri” che vagano negli ampi giardini della Mayflower, ospedale psichiatrico bostoniano degli anni sessanta, né tanto meno una semplice storia familiare, iniziata da un nipote che cerca di ricostruire per tutta la durata del romanzo la vera storia dei suoi nonni e con essa allontanare la paura (o il piacere) di essere un loro condensato. Questo romanzo, abilmente disegnato da Merrill Block intorno alla curiosità iniziale, ai ritmi serrati delle sue prime p…