domenica 5 luglio 2015

Romanzi inediti rifiutati dagli editori: una palestra per lo scrittore esordiente?

Quanti romanzi inediti siete disposti a farvi rifiutare dagli editori prima di mollare? Almeno cinque secondo Joel Dicker, che ha fatto della sua esperienza di rifiuti prolungati una palestra per lo scrittore esordiente.


Cominciamo dai fatti: Joel studente di legge all’Università di Ginevra, pensava fin da piccolo di scrivere il suo primo romanzo (a dieci anni aveva fondato anche una rivista sulla Natura, sua altra grande passione).
A 20 anni decide di essere pronto e lo scrive. Come molti autori esordienti, dopo una stesura in preda al fuoco della “santa ispirazione” e una rapida revisione, stampa, impacchetta e invia il suo primo figlio a tutti gli editori del Paese, già sognando il suo nome stampato a lettere fluorescenti su una copertina satinata.

Risultato: rifiutato da tutte le case editrici.  Dopo aver assorbito il colpo, lo scrittore esordiente Joel Dicker ha due strade davanti a sé: crogiolarsi in mesi di autocommiserazione, perdendo uno a uno tutti gli amici che non ce la fano più a ripetergli quanto sia bravo come scrittore e quanto sia chiuso il mondo editoriale per chi non abbia le giuste conoscenze o iniziare subito il secondo romanzo. Joel ha scelto la seconda strada: «mi dissi che non potevo bloccarmi su un fallimento e che avrei continuato a scrivere finché non fossi stato pubblicato almeno una volta.»  Scrisse un nuovo romanzo e lo inviò alle case editrici.

Image result for scrittori esordienti

Risultato: rifiutato da tutte le case editrici.  Ancora. Ma Joel non cedette e ne scrisse un terzo e poi, dopo il rifiuto del terzo, un quarto. E dopo il rifiuto del quarto, un quinto. Ancora fioccarono solo rifiuti. Di colpi gli scrittori ne devono assorbire tanti e forse la capacità di assorbimento e la tenacia, che dopo questo assorbimento deve spuntare fuori più forte di prima, rappresenta una delle armi necessari per chi voglia intraprendere questa strada accidentata fatta di privazioni, lotte con se stessi e ipotetici e lontani successi. La tenacia, da sola, non basta. Così Joel decise di rileggere tutte le lettere di rifiuto e tutti i commenti negativi che aveva avuto sui suoi romanzi (il masochismo è altra dote importante per uno scrittore), cercando di distillare un vademecum di tutti gli errori che aveva fatto nei suoi primi cinque romanzi.

E poi Joel, ha scritto un sesto romanzo e durante la scrittura non ha pensato ad altro, facendosi assorbire completamente dalla necessità di scrivere: «Farmi assorbire dal mio progetto tanto da perdere la nozione del tempo e del prossimo. Finché l’equazione non sarà risolta, non ci sarà riposo possibile, e anche se mi legassero a forza in un letto, il mio cervello continuerebbe a lavorare. E se mi costringeranno a dormire, il mio progetto lo continuerò nei sogni. È ovunque, è sempre, è incessante. È ossessivo.»

Romanzi inediti rifiutati dagli editori: una palestra per lo scrittore esordiente?Risultato: un successo. Pubblicato in 45 Paesi e tradotto in 30 lingue. Parliamo de La verità sul caso Harry Quebert (Bompiani – Vintage 2015) che ha trasformato uno scrittore esordiente in un autore di successo. Un uomo che ha fatto della scrittura l’ossessione perfetta, quella che nasce dalla passione, quella che è «indispensabile alla riuscita. […] Spesso le persone mi chiedono cosa debbano fare per scrivere un romanzo. Io rispondo che devono averne l’ossessione. Più che l’aspirazione, più che la voglia, più che il desiderio, più che la passione.»

Ora Joel Dicker sta lavorando al prossimo romanzo (il settimo) sottoponendosi a una palestra per lo scrittore ancora più intensa (si alza ogni giorno alle 4:30 del mattina per dedicarsi alla scrittura ricordandoci le levate di Amélie Nothomb), fornendo ad altri scrittori alle prese con romanzi inediti rifiutati dagli editori, una perfetta ossessione a cui attaccarsi.


link alla news su Sul Romanzo.

Nessun commento:

Posta un commento