domenica 6 giugno 2010

Una parola un verso - sesta settimana - "Connessione"

Connessióne s. f. [dal lat. connexio -onis, der. di connexus, part. pass. di connectĕre «connettere»]. 1. Lessere connesso, intima unione fra due o più cose; per lo più fig 2. In elettrotecnica, sinon. di collegamento: c. in parallelo, in serie; c. a triangolo, a stella; nel linguaggio dell’informatica e delle telecomunicazioni, collegamento a una rete telematica



Esigenza compulsiva al contatto che sfocia spesso in un click morboso, dove si può finalmente sfogare il lungo silenzio compresso dal tubo catodico.
Decenni di ascolti forzosi per egoisti petulanti che si narcotizzavano in attesa di una rivincita.
Eccola finalmente.
Il tempo è giunto.
Parlare, parlare, parlare, scrivere, urlare, pubblicare. Tutto si può dire senza più ascoltare. La TV tanto biasimata diviene troppo evoluta, generatrice di silenzio amorfo, è sostituita. Inglobata dal network dove tutto finisce, dove dire la propria è troppo necessario e nulla si riesce a selezionare.

4 commenti:

  1. Connessione
    Questa la parola scelta per la sesta settimana di "Una parola un verso".
    Un network che tutto unisce, dove tutto finisce e dire la propria è assolutamente necessario.
    Pierfrancesco

    RispondiElimina
  2. connessione è legame con rami fino a far parte di un sistema complesso. Peccato che molto spesso non ci si rende conto di ciò.
    La connessione è sempre più profonda, intima e sistemica e complessa. Coglierla e leggerla diventa ostico.
    Se comprendessimo l'intima connessione che abbiamo con il tutto.....il nostro respiro sarebbe più ampio....e avremmo molta più coscienza di noi stessi.
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Antonella ci porta a dialogare con la parte più nobile della connessione, quella con se stessi, ma non scappiamo proprio da quest'ultima quando ci anneghiamo nel coro dei contatti richiesti e non utilizzati, nella collezione di "amici" su FB a cui non rivolgiamo la parola, ma che ci piace avere a portata di click, virtualmente pronti a sorbire ogni nostro lamento, senza dover mai ricambiare?

    Pierfrancesco

    RispondiElimina
  4. hai proprio ragione! infatti io non ho un profilo su facebook :-)))
    antonella

    RispondiElimina