una parola, un verso: trentatreesima - unico...figlio


Cosa vuol dire essere figli unici?
Essere unici perché “speciali” o unici solo perché appartenenti a una determinata specie?
Le opinioni in materia si sprecano e certamente in Italia prevale l’idea che essere figlio unico voglia dire essere viziato, solitario, silenzioso, supponente, introverso. E quest’ultima caratteristica soprattutto è vista con terrore dai genitori, un destino da evitare a qualunque costo, pur di rispettare l’equazione socialità = felicità che ci viene imposta fin dai primi sbilenchi passi nel mondo. 
Equazione che si ribalta in altre equivalenze: silenzio/riflessione/pensiero/sensibilità = tristezza, da cui aggressività/chiasso/azione = felicità/intelligenza
Piccole massime distillate parlando con genitori ansiosi.
Sul tema dell’unicità, intesa come diversità, è incentrato il romanzo di Haruki Murakami, appena ripubblicato in Italia con Einaudi (ma edito nel 1992 in Giappone e la prima volta in Italia con Feltrinelli nel 2000) A sud del confine, a ovest del sole (Einaudi – 2013). Nel primo capitolo il protagonista, Hajime, inizia a raccontarsi, partendo proprio dalla sua unicità, primo e ultimo figlio di una famiglia borghese nel Giappone degli anni ’50, periodo in cui essere figlio unico era cosa abbastanza rara e non solo in Giappone.
A dodici anni Hajime si sente diverso, «un essere incompleto»[1], un bambino che ascolta Nat King Cole che canta Pretend insieme a un’altra figlia unica. L’unica con cui può condividere la sua diversità, per sentirsi finalmente uguale a qualcuno, anche solo per la durata di una canzone, una canzone che spiega che «fingere di essere felici quando si è tristi non è poi un grande sforzo»[2]. Finite le note della canzone e con esse il primo capitolo del romanzo di Murakami, ci siamo già sistemati sulle spalle di Hajime e non intendiamo scendere fino alla fine del racconto per «attivare quel territorio dello spirito che nella vita quotidiana non viene usato»[3] e che Murakami sa così bene fertilizzare dentro i nostri pensieri. E se l’autore non delude i suoi lettori, offrendo anche in questo romanzo tutta una serie di soffuse «vibrazioni che sono capaci di diventare l’asse portante del racconto»[4], dimostrando come grandi emozioni possano nascondersi nelle piccole cose (pensiamo alla poesia di Wisława Szymborska che spesso Murakami ha il potere di richiamare alla mia mente), in A sud del confine, a ovest del sole l’onirico lascia molto più spazio al reale; alla reale insoddisfazione incardinata nell'animo umano, che ci porta a desiderare un "qualcosa" che poteva essere e non è stato, costruendo su questa malinconia una torre di rabbia da cui è facile lanciare le persone che ci sono accanto e che hanno la colpa di essere difformi dai nostri sogni.
Così Murakami ci dimostra di essere tutti figli unici, indipendentemente dall’aggressività/chiasso/azione che abbiamo dimostrato e, sebbene il tema del figlio unico sembri a volte eccessivamente presente e claustrofobico, andando a saturare dinamiche e dialoghi fra i personaggi, bastano alcune immagini per dimostrare da sole il valore del libro, che alla fine pur essendo partito dall'apparente certezza socialità = felicità, ne dimostra chiaramente l’inadeguatezza e la debolezza.

  

Una parola, un verso: unico...figlio

ùnico agg. [dal lat. unĭcus, der. di unus «uno, uno solo»] (pl. m. -ci).
a. Che è il solo esistente, che non ha uguali nel suo genere o nella sua specie; b. In frasi enfatiche, eccellente, ineguagliabile; c. Nel linguaggio filosofico, per lo più sostantivato, l’individuo o soggetto personale, o io, in quanto singolare, irripetibile, inconfondibile, eccezionale.

unigènito agg. [dal lat. tardo, eccles., unigenĭtus, comp. di uni- «uno solo» e genĭtus, part. pass. di gignĕre «generare»]. – Che è l’unico generato, l’unico figlio;

(fonte: www.treccani.it)


[1] da A sud del confine, a ovest del sole (Einaudi – 2013), pag. 4.
[2] da A sud del confine, a ovest del sole (Einaudi – 2013), pag. 12.
[3] da un’intervista a Murakami Haruki apparsa su La Repubblica del 5 novembre 2011.
[4] vedi nota 3. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Nessuno, nemmeno la pioggia, ha così piccole mani

La rotta del colibrì di Sandro Veronesi

Una parola di verità peserà più del mondo intero